martedì 17 gennaio 2017

"Di chi è la colpa?"

"Di chi è la colpa?" from AnonIta2017 on Vimeo.

"Di chi è la colpa?" from AnonIta2017 on Vimeo.

Salve cittadini del mondo, noi siamo Anonymous
L’anno appena passato è ormai alle spalle, ma non gli eventi accaduti.
Il governo Italiano non ha perso occasione per mostrare la propria reale essenza, fatta di incompetenza, cupidigia, spudorato servilismo verso il potere e per opprimere il già misero Popolo Italiano. D'altronde il tristemente famoso senatore Razzi passera' agli annali della repubblica per aver senza dubbio riassunto compiutamente la realta' politica italiana: "E' tutta malvivenza!".
Abbiamo assistito a prove tecniche di regime da parte di cosidetti democratici, progressisti, liberali a suon di manganello. Nessuna sorpresa per noi. Siamo vaccinati contro le vostre menzogne.


Abbiamo assistito ad azioni riprovevoli ad opera delle sempre "obbedienti" forze di polizia, avete voluto sopprimere ogni forma di dissenso, vi siete scagliati contro i fratelli NOTAV, contro le famiglie da sfrattare, contro gli studenti, contro gli operai. Avete abusato dello strumento giuridico al solo scopo di costituire situazioni a voi favorevoli, per salvaguardare privilegi e situazioni di favore, per arricchire a dismisura chi gia' lo e' ed affamare chi è già misero.
Il risultato, incontestabile, è sotto gli occhi di tutti: volete due popoli, due Italie, l'una armata contro l'altra? Come siamo giunti a questo?
"La verita'... la verita' e' che c'e' qualcosa di terribilmente marcio in questo paese!"

L'apatia collettiva ha consentito il perpetuarsi di situazioni disumane, radicate talmente in profondità da diventare invisibili, insite nella natura stessa. La generale indifferenza, il rimaner attaccati ai propri piccoli privilegi quotidiani, ha consentito a quei pochi, più lucidi di altri, di manovrarci a proprio piacimento.
Lo sfogo contro il politico di turno, contro il partito, o contro chi riveste un ruolo diverso dal nostro, gli ha consentito di distrarci da chi dietro le quinte si muove indisturbato. I partiti e le ideologie sono stati usati contro di noi, come parafulmine per le nostre frustrazioni, al fine di dividerci, dominarci e allontanarci dai nostri valori, tanto da non rappresentare più nemmeno noi stessi.

Obbligati dalle circostanze quotidiane, usiamo ciò che detestiamo, e ne siamo dipendenti: schiavi del nostro stile di vita, passiamo il tempo ad abbellire la nostra prigione, fino a scambiarla per la nostra casa.
"Di chi è la colpa? Sicuramente ci sono alcuni più responsabili di altri, che dovranno rispondere di tutto ciò; Ma, ancora una volta, a dire la verità, se cercate il colpevole... non c'è che da guardarsi allo specchio"
Noi abbiam gia' fatto la nostra scelta: combattiamo contro il marciume del Nostro Paese. Crediamo in un mondo libero dove ognuno sia Sovrano di se stesso.

Tutto puo' e DEVE cambiare, noi non staremo a guardare... E TU?

Nessun commento:

Posta un commento