venerdì 14 novembre 2014

In solidarietà con lo #scioperosociale

www.confindustria.it





Non cè nulla di naturale nello sfruttamento degli esseri umani che il sistema produttivo industriale dei padroni impone alle persone e al pianeta.
Lo stesso Aristotele assoluto riferimento classico e non certo incline a idee sovversive riteneva esplicitamente dissennato un sistema economico basato, come quello attuale, su quella che egli chiamava chrematistiké cioè pulsione all'accumulazione illimitata delle richezze.
Lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo opprime il pianeta terra, i tentacoli dell'apparato produttivo, ovunque vi siano materie prime o esseri umani da sfruttare, estendendo l'inquinamento nei più lontani recessi dell'amazonica.

Intanto in occidente e nei paesi più ricchi, altre industrie, producono basandosi su le materie prime o i semi-lavorati che soggeti terzi hanno estratto a costi bassissimi e spesso riducendo in schiavitù chi lavora.
Tuttavia mentre la crisi avanza è sempre più evidente che questo sistema di produzione nonostante la grande massa di beni prodotti non è in grado di sostentare tutti, anzi garantisce il sostentamento di una fascia sempre più ristretta di popolazione e la prosperità di un numero ancor più esiguo di padroni e potenti.

I padroni delle industrie non tremano di certo di fronte al numero crescente di disoccupati anzi dal loro punto di vista aumenta la cosidetta " massa di manovra" cioè la parte di popolazione disoccupata e pronta a svolgere qualsiasi lavoro in qualsiasi condizione e quindi ciò complessivamente abbassa il costo del lavoro. In migliaia oggi sarebbero lieti di spendere l'intera esistenza nelle fabbriche inquinate arretrate e in ultima analisi mortifere che affollano il paese.
Siamo stanchi di strisciare per 8 o 10 ore al giorno nelle vostre fabbriche in cambio di un salario indecoroso, senza alcun diritto di controllo sulle attività produttive, in ambienti inquinati e a rischio della nostra salute, per garantire soltanto la sfrenata pulsione al consumo dei padroni.

Quindi il minimo che si possa chiedere è che ad ogni persona sia garantito un reddito tale da poter vivere e consumare indipendentemente dal dover sottostare al vostro lavoro schiavistico.
Ripudiamo il capitalismo col suo agonismo proiettato in ogni aspetto della vita incapace di produrre ciò che davvero serve e per ogni essere umano, spregiatore delle persone e dell'ambiente!
Noi siamo le schiere ribelli sorgiamo che giunta è la fin!

Reddito per TUTTE/I!

We are Anonymous
We are legion
We do not forgive
We do not forget
Expect us

Nessun commento:

Posta un commento