lunedì 5 maggio 2014

Ilva Hacked again! dati estratti da posta privata



I colpevoli hanno avvelenato le coscienze e i corpi di chi è stato costretto a vivere per lavorare; hanno tarpato le ali a settori  occupazionali che avrebbero altrimenti trovato una rigogliosa espansione; hanno obbligato gli abitanti di un' intera città a respirare la tossicità  dell'accumulazione del Capitale sprezzante dei Diritti Umani. 

Siamo vicini alle famiglie di chi si è spento, avvelenato dalla sete incondizionata di vili profittatori.
Siamo  vicini a chi ancora lotta per sopravvivere e trascina ogni giorno la  sua malattia, messo spalle al muro da uno Stato che copre la sua sporca  coscienza con miseri indennizzi, e dietro le quinte stringe loschi accordi con i padroni.
Disprezziamo  l'operato di chi, con i propri tentacoli, ha elargito ricatti  lavorativi e seminato menzogne cavalcando accordi e deroghe in barba alle leggi sulle emissioni: lucrare sulla pelle dei Cittadini, trincerandosi dietro protocolli d'intesa e burocrazia, è una forma di  criminalità legalizzata.

We are Anonymous
We are Legion
We do not Forgive
We do not Forget
Expect Us


LEAKS
rivagroup.com WEBMAIL
 (Allegati + EMAIL.txt) 100MB

 (Screenshot Email tratte da account @rivagroup.com ) 6MB

Per poter scaricare i files è neccessario usare VPN, un proxy o Tor, in quanto dopo la nostra Op Polizia del 2012, Anonfiles è stato censurato dall'Italia. Potete leggere questa guida per bypassare la censura 




Nessun commento:

Posta un commento